Autore: Simone Barcelli

Nel Regno di Kush

Ifaraoni neri Il Nilo, incontestabile fonte di vita, fu determinante anche per le genti che vivevano a ridosso dell’Egitto. La civiltà più conosciuta, dopo quella dei faraoni, fu certamente quella di Kush, che si sviluppò in Nubia, in una porzione dell’attuale Sudan, ed ebbe nelle cittadine di Kerma, Napata e Meroe il suo apogeo. Kush, per la posizione strategica assestata nella zona della quarta cateratta del Nilo, arrivò a influenzare anche l’antico Egitto, tanto è vero che dal 775 al 653 a.C. la XXV dinastia fu appannaggio dei cosiddetti ‘faraoni neri’ della Nubia. Le genti di Kush, le cui...

Read More

Teotihuacan, polo industriale

Come molti sapranno, Simone Barcelli, dopo un periodo di pausa, è rientrato nella pienezza della nostra Associazione, con enorme soddisfazione di tutti. “Il Direttore” ha subito inviato alcuni articoli di eccezionale interesse, di cui pubblichiamo il primo, riguardante il più importante dei numerosi “cavalli di battaglia” di Simone. (Fabio Marino) Un fiume deviato Nella vallata di Teotihuacan, la nota località archeologica distante una sessantina di chilometri da Città del Messico, scorre il fiume San Juan, il cui corso è deviato artificialmente, con due angoli retti, esattamente nel punto in cui sorge il complesso cerimoniale. Appositi canali portano infatti le...

Read More

I teschi della discordia

I teschi di cristallo sono tra i manufatti più controversi e come tali non potevano sfuggire alla nostra attenzione. Rammentando che nessun teschio di cristallo proviene da scavi archeologici documentati, e già questo la dice lunga sull’autenticità dei reperti, andiamo subito a indagare su quello più noto, legato alla figura dello scrittore e avventuriero Frederick Albert Mitchell-Hedges, vissuto tra il XIX e XX secolo. Le incerte cronache di un periodo in cui l’archeologia era senza dubbio più “romantica” di oggi, narrano che nel 1923 l’inglese partecipò a una spedizione nell’Honduras britannico (l’attuale Belize) finanziata inizialmente anche dal British Museum; con...

Read More

Orione, Gilgamesh e… Osiride

La bellezza di un guerriero Orione (Urione per i Sumeri) ricorre spesso nelle testimonianze dei nostri antenati. Non poteva essere altrimenti, poiché questa costellazione è una delle più splendenti del cielo. Questo gruppo comprende numerose stelle, tra cui sette particolarmente brillanti: tra queste anche le due supergiganti Betelgeuse e Rigel e quelle citate nella teoria di Bauval. Orione è graficamente rappresentato come un guerriero, la cui figura è ben delineata da queste stelle: Betelgeuse e Bellatrix sono le spalle, Rigel e Saiph i piedi, Alnitak, Alnilam e Mintaka la cintura; alcune delle stelle meno luminose rappresentano lo scudo (quelle...

Read More

Out of Africa – Ominidi in fuga

Alla conquista del mondo Il periodo che ancor oggi continua stoltamente a essere nominato Preistoria (decine di migliaia di anni prima dell’invenzione della scrittura), rappresenta anche il punto di partenza per cercare di ricostruire la storia delle dispersioni e delle migrazioni degli ominidi sul nostro pianeta, comprese quelle della nostra specie. La culla in cui fiorì la vita degli ominidi bipedi poco più di sei milioni di anni fa (quando la linea evolutiva umana si rese autonoma da quella degli scimpanzé), con i primi possibili antenati della linea umana, è tuttora considerata l’Africa. Da lì sono fuoriusciti questi ominidi,...

Read More
  • 1
  • 2