Autore: Giuseppe Badalucco

L’Arca di Noè: una ipotesi precessionale (Seconda parte)

Sulla base delle informazioni che si possono desumere dalla lettura del testo del Genesi e delle informazioni disponibili sullo stato delle tecniche di costruzione delle imbarcazioni, si può dedurre che l’Arca fosse una sorta di grande chiatta galleggiante che presentava, approssimativamente, la forma rettangolare come possibile verificare nelle immagini indicate più oltre ANALISI DELLA FORMA GEOMETRICA DELL’ARCA: ANALISI DEI RAPPORTI TRA LE MISURE DELL’ARCA (ESPRESSE IN m) RAPPORTO LUNGHEZZA / LARGHEZZA: 155,4 / 25,9 = 6 RAPPORTO LUNGHEZZA / ALTEZZA: 155,4 / 15,54 = 10 RAPPORTO LARGHEZZA / ALTEZZA: 25,9 / 15,54 = 1,666 Le misure dell’Arca di Noè, come...

Read More

Una nuova ipotesi sui cambiamenti climatici – Parte II

Impiegando gli isotopi di massa come strumenti diagnostici, gli studiosi hanno scoperto che i tassi di sedimentazione elevati e i flussi di carbonio durante la fase di transizione YD – PB riflettono un massiccio deposito di materiale (carbonio). In particolare il carbonio organico depositato durante questo periodo era caratterizzato da carbonio impoverito, tipico della vegetazione (δ13 C = – 27‰). In particolare, secondo gli studiosi, i flussi di deposito di carbonio ebbero inizio prima della fine del Dryas recente (circa 11.650 a.C.); dopo una prima fase fredda e secca, l’emisfero boreale attraversò una seconda fase più calda e umida,...

Read More

Una nuova ipotesi sui cambiamenti climatici – Parte I

Il climatologo T. Tesi del CNR, in collaborazione con i colleghi F. Muschitiello, RH Smittenberg, M. Jakobsson, JE Vonk, P. Hill, A. Andersson, N. Kirchner, R. Noormets, O. Dudarev, I. Semiletov, Ö. Gustafsson ha pubblicato nel novembre 2016 su Nature Communications un articolo che illustra gli effetti che lo scioglimento del permafrost nelle zone artiche potrebbe avere sul clima del pianeta nei prossimi secoli. In particolare lo studio, realizzato da un team di ricercatori internazionali in collaborazione con l’Istituto di Scienze marine del CNR di Bologna, ha permesso di analizzare campioni di carotaggi risalenti alla fine dell’epoca glaciale, compresa...

Read More